Flora mediterranea

Queste piante sono presenti in tutto il bacino del Mediterraneo, per nostra comodità vi annoveriamo tutte le specie comunemente coltivate e spontanee ora presenti, perciò nelle schede descrittive specifichiamo la reale origine di crescita spontanea.
piante : 215
pagina: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22

P290 - Prunus spinosa - Prugnolo

P240 - Psoralea morisiana - Trifoglio di Moris

P250 - Ptilostemon casabonae - Cardo di casabona

P210 - Pyrus amygdaliformis - Perastro, pero mandorlino

Il perastro è diffuso su tutti i terreni più ingrati dall'interno alle coste, non in stazioni monospecie ma in modo puntiforme, anche grazie alla sua spinosità che, come per il biancospino lo protegge dal pascolamento.

Q010 - Quercus coccifera - Quercia coccifera, quercia spinosa

Rara specie delle coste meridionali della Sardegna, è un grosso cespuglio che cresce in terreni arenacei e asciutti. Resistente al salmastro, ottimo per giardini al mare e consolidamento delle dune. Un tempo doveva essere più diffusa se i Romani chiedevano ai Sardi un tributo in Cocciniglia, colorante estratto dal Chermococcus ilicis, insetto che vive parassita sulle sue foglie.

Q020 - Quercus ilex - Leccio

Cresce prepotente e vittorioso su un terreno fertile fino a sopraffare le specie che in gioventù ne hanno protetto lo sviluppo, o concresce con la macchia in terreni più ingrati senza raggiungere grandi dimensioni ma sempre un po’ più alto

Q040 - Quercus suber - Sughera

Caratteristica dei terreni silicei, questa quercia rappresenta una ricchezza per la sua corteccia che la protegge dagli incendi e tanto utile si rivela anche all’uomo in tutti i suoi innumerevoli impieghi. I suoi tronchi, rossi per una recente raccolta del sughero rappresentano una delle iconografie classiche della nostra isola, meglio se con un nuraghe sullo sfondo. Sulle coste si ritrova nelle forme più contorte e raccolte a riprova della sua grande rusticità

050 - Quercus congesta - Roverella

Q030 - Quercus pubescens, Willd. - Roverella

Quercia del freddo, non è quasi presente nel sud dell’isola, ma nel centro-nord si trova dovunque l’uomo non l’abbia bruciata, a terra o nei camini. La nuova tassonomia ne distingue alcune specie, ma per i pratici è sempre Roverella.

R010 - Rhamnus alaternus - Alaterno

Come le filliree, l'Alaterno fa la parte di quegli sfondi verdi nei quali solo un occhio allenato riesce a distinguere una specie dall'altra, vuoi da un particolare riflesso di colore, vuoi da un diverso piegarsi al vento o un diverso luccicare sotto la pioggia. I nostri nonni non si sbagliavano e ne conoscevano tutti gli usi e le utilità possibili, in particolare le capacità tintorie.
pagina: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22